Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Natura collecta Natura exhibita - Sistema Museale di Ateneo - UniFI

Niccolò Stenone

StenoneQuando giunge a Firenze nel 1666 alla corte di Ferdinando II, Niccolò Stenone ha 28 anni e fama di grande anatomista, guadagnata nella nativa Copenhagen e ad Amsterdam, Leida e Parigi. Interessato a conoscere la natura dei fossili, intraprende lo studio di quelli toscani e degli strati rocciosi che li contengono. Confortato dagli scambi con i discepoli di Galileo dell’Accademia del Cimento, pubblica a Firenze nel 1667 la prova geometrica dell’origine organica delle glossopetre e delle conchiglie fossili. Nel De Solido Intra Solidum Naturaliter Contento del 1669 delinea la prima storia della terra, riconoscendo che l’Appennino è fatto di strati più antichi di quelli delle colline toscane, definsce i principi geometrici della stratigrafia e per primo riconosce il fenomeno della costanza degli angoli nei cristalli.

Lavora per conto di Cosimo III alla creazione di un museo di nuova concezione. Riporta così da Pisa a Firenze una cernita di oggetti naturalistici appartenuti alle collezioni granducali e raccoglie minerali e fossili in varie località europee. Convertitosi al cattolicesimo durante il soggiorno fiorentino, è ordinato sacerdote nel 1675, diviene vescovo nel 1677 ed è sepolto nella Basilica di San Lorenzo. Nel 1988 è proclamato Beato da Papa Giovanni Paolo II.

 
ultimo aggiornamento: 04-Mar-2020
Unifi Home Page Sistema Museale di Ateneo

Inizio pagina